Oro Restaurant Milano

 

This slideshow requires JavaScript.

Il Ristorante Oro a Milano nasce dall’idea di creare un locale che avesse un’identità forte, che si distaccasse dagli altri locali, un carattere deciso che mettesse insieme l’anima del luogo, un palazzo anni ’20 della vecchia Milano in zona Moscova, lo stile industriale e contemporaneo ma reso con un atmosfera ricercata e quasi sofisticata.

Creare un ristorante con tutte queste anime è stata una sfida, il locale nell’idea del cliente, doveva essere modaiolo, elegante ma non troppo, con dei tocchi dorati ma senza eccedere, qualcosa che fosse ristorante ma anche cocktail bar con dj-set, un locale giovane che potesse essere utilizzabile per pranzo, cena e dopo cena.

Sulla base di tutte queste suggestioni è nato Oro, eliminando cartongessi di troppo, liberando i muri e il soffitto siamo arrivati all’anima del locale, sono emersi gli archi originali e i mattoni a vista.

Gli archi originali del locale sono stati lo spunto per il progetto del ristorante, sono diventati il motivo ricorrente che viene ripetuto nella carta da parati disegnata ad hoc con disegni in stile razionalista, nel neon custom sul bancone e negli specchi ovali con tagli geometrici.

L’oro è stato utilizzato per evidenziare gli elementi principali ovvero gli archi e il grande banco bar che accoglie in cliente all’ingresso.

I mattoni faccia a vista sono stati colorati di color cioccolato per rendere il ristorante Oro più contemporaneo e non una trattoria tradizionale, inoltre sono stati combinati con un alto zoccolo in cemento che segue tutto il perimetro del locale.

Il ristorante ha una superficie di 300mq, composto da 5 sale tutte con caratteri distintivi particolari ma affini tra loro.

Ristorante Oro

Bastioni di Porta Volta 5

Milano

Guest speaker at Evteks 2017 Istanbul

This slideshow requires JavaScript.

 

Graziana Calabrese presenta i suoi lavori e parla di trends italiani a Evteks 2017, la più importante fiera del tessuto per arredamenti di Istanbul.

L’interior designer è in continuo aggiornamento sui trend del design per la casa e per i locali pubblici, ha anche realizzato un evento tematico per il Salone del mobile di Milano 2017 presso Palazzo Serbelloni in cui ha allestito un percorso tematico sui trend di interior design estremizzati ed alcune volte ironizzati.

Graziana è un Architetto, un interior designer, product designer e un art director, una figura dalle molteplici sfaccettature e competenze, progetta i suoi interni partendo dallo studio dei trends attuali, reinterpretandoli e reinventandoli in chiave personale.

Invitata come guest speaker, spiega al pubblico turco quali sono i trends italiani e europei, rappresentati anche nei suoi lavori.

Unico esponente italiano, si confronta con speakers e professionisti provenienti dal nord Europa, Finlandia e Danimarca, ed est Europa rappresenta il gusto e il design.

Di seguito alcune delle slides presentate.

 

LEZIONE 4_TREND

BluRubino consolle _ Fuorisalone 2017

designDisegnata e realizzata in occasione del Fuorisalone 2017 all’interno dell’allestimento Amazing Cliché, area GEOMETRICO BOHO CHIC “boh chic style”.

La consolle BluRubino

è in legno di noce canaletto e erable blu, con forme piramidali e semi sferiche.

Design in Puglia _ Salone del Mobile 2017

 

PUGLIA CROSSING IDENTITIES, il design pugliese in mostra al Salone del Mobile,  espone  le opere del concorso giovani “design in Puglia” bandito dalla Regione Puglia. Graziana Calabrese, 31 anni, è risultata vincitrice  con una particolare lavorazione della pietra leccese in 3d. In occasione del Salone ha creato la  Poltrona “SPIGA”, realizzata da Smetwork,  con  materiali tradizionali e preziosi, dalla forma leggera, elegante, dal  gusto contemporaneo :  struttura in ferro brunito, rivestimento interno in noce canaletto, cuscini in pelle, rivestimento fianchi in pietra leccese intagliata con texture spigata. L’idea nasce dalla volontà di rinnovare l’immagine e l’uso tradizionale della pietra, realizzando sulla superficie una trama tale da renderla decorazione per ogni tipo di arredo. Questa poltrona in pietra diventa un oggetto unico, elegante e dal design leggero.

Fuorisalone 2017 _ Amazing Cliché

This slideshow requires JavaScript.

Percorso tematico irriverente e sarcastico su i clichés del design attuale

Palazzo Serbelloni, 4-9 aprile 2017 Milano, Fuorisalone

AMAZING CLICHE’ è un percorso tematico sul design a cura dell’Architetto Graziana Calabrese, che estremizza le tendenze, ne approfondisce il senso e le rende originali e irriverenti.

In occasione del Salone del Mobile, dal 4 al 9 aprile 2017, lo showroom di Stuart Weitzman, ospita per la prima volta un allestimento presso Palazzo Serbelloni guidando i designer lovers tra gli scenari di una visita eccentrica e innovativa.

In questa nuova cornice il design non è esteticamente fine a se stesso, destinato solo all’elites e banale rappresentazione delle mode del momento, ma viene affrontato personalizzando le tendenze scardinandole.

In un periodo in cui molti designers dello scenario attuale tendono a ripetere le stesse tipologie di arredamento non caratterizzandole particolarmente ma seguendo con leggere variazioni le tendenze, Amazing cliché le analizza, le destruttura e le reinventa ambientandole in un contesto dove micro e maxi, colori forti e texture prendono il sopravvento.

Il percorso è organizzato in 6 aree tematiche: Riflessione, Radici, Ecletticismo, Geometrie e textures, Chinoiserie, Veganesimo e sostenibilità.

Il fulcro di questo storico spazio dalle volte antiche e colonne storiche, è la ‘riflessione‘ sul tema, intesa in senso figurato e rappresentata da un gioco di specchi e vetri che riflettono tappeti a macchie di colore.

Si passa quindi alle ‘radici‘, fondamento di tutto e linfa vitale, rappresentato da un imponente tavolo stile art-decò in radica, ormai tornata a nuovo lustro e resa contemporanea. L’allestimento è arricchito da grandi fiori rossi realizzati artigianalmente in eco-pelle fluttuanti.

La terza zona esprime lo stile eclettico, ormai tendenza consolidata da anni, scenario reso originale dall’azzardato mix di pezzi storici dagli anni 20 agli anni 80, enfatizzati da grafiche che destrutturano le icone cinematografiche dei tempi.

Passando per il topos del geometrico, delle texture grandi e colorate o pattern piccoli come tetris, nella quarta area area vengono abbinati arredi dal design geometrico, imbottiti con tessuti texturizzati, carte da parati optical, l’effetto complessivo è un divertente mondo fatto di colori e forme.

La quinta area è un mix di black and white con un pizzico di rosso rubino e il sapore delle terre lontane asiatiche che richiamano le chinoiserie. Gli arredi si inseriscono all’interno di una stanza dalle pareti rivestite in tessuto bianco e disegnate a mano con disegni wireframe neri.

La fine del percorso è allestita proprio dietro l’inizio, è l’idea di sostenibilità resa con una pop-tavola imbandita a tema veganesimo sostenibile. Qui la mise en place prende vita e dai piatti emergono forme zoomorfe, mentre le pareti si ricoprono di verde verticale.

L’Architetto Graziana Calabrese ha coinvolto gli entusiasmi di vari artigiani, artisti, piccole imprese locali, da lei selezionate personalmente, che hanno potuto esprimere con le loro abilità i temi nello stile e nel linguaggio scelto per l’allestimento.

Gli allestimenti sono arricchiti da gigantografie disegnate a mano, fotomontaggi di icone del passato reinterpretate, decorazioni maxi e colorate, tappeti annodati a mano della Artep, imbottiti realizzati su disegno da Italpoltrone, lampade e lanterne realizzate da Italamp, arredi di modernariato dagli anni 20’ agli anni 50’ selezionati presso alcuni collezionisti privati.

Eleganza e irriverenza, stile e sarcasmo creano l’armonia ideale di ‘Amazing cliché’, perché gli stereotipi possono essere davvero strepitosi se resi unici.

Spiga, poltrona in pietra decorata.

La poltrona Spiga nasce dalla collezione t’intreccio realizzata in occasione del Salone del Mobile 2017 di Milano.

Un poltrona dal carattere duro come la pietra che la ricopre sui fianchi.

Si tratta di una poltrona realizzata con i fianchi in pietra decorata. Il design è del tutto innovativo, la forma è stata studiata in modo da mantenere sia nel peso che nell’estetica una linea molto leggera. La particolare decorazione a spiga realizzata sulla pietra diventa l’elemento decorativo principale e caratterizzante. Alla pietra sono stati abbinati il noce canaletto per la seduta e la pelle per i cuscini.

 

 

 

poltrona-latopoltrona-3d